Ruvo di Puglia (BA) – “‘Nzia-mè” di Pietro Stragapede

La Pro Loco di Ruvo di Puglia vi invita a partecipare alla presentazione del nuovo libro di Pietro Stragapede, dal titolo “‘Nzia-mè”, raccolta di poesie in vernacolo ruvese. Interverranno Anna Maria Curci e Vincenzo Luciani, accompagnati dal commento musicale di Gennaro Sibilano.
“Il titolo stringato della raccolta – ‘Nzia-mè – rende omaggio all’incisività e all’immediatezza del dialetto. La sua struttura, costituita da due sillabe, staccate ma fuse insieme, lancia un messaggio, un augurio perché siano lontani da noi i fatti brutti della vita. I suoni di queste sillabe eccedono sul significato e l’augurio si materializza già interamente prima della conclusione. Proviamo a tradurlo in italiano: “non sia mai che”…; l’augurio si perde in un giro di parole che finisce per diluire la carica beneaugurante di chi lo pronuncia. ‘Nzia-mè, invece, nella sua brevità ed essenzialità, colpisce per la sua forza espressiva, che accomuna chi lo pronuncia col destinatario dello stesso.”
Tra le opere precedenti dell’autore ricordiamo le raccolte di poesie in ruvese quali “Pone e alèive” (Pane e olive) 2009, “Pone e pemedore” (Pane e pomodoro) 2009, “Pone e cepuodde” (Pane e cipolle) 2010, “Pone assutte” (Pane senza companatico) 2011, “La collane de fofe de cuzzue” (La collana di fave fresche) 2012, “Tène u rizze la lìune” (Ha un alone bianco la luna) 2016, “La semmona sande a Rìuve” (La settimana santa a Ruvo) 2017.
Sabato 23 novembre ore 18:30
Pinacoteca d’arte contemporanea – Ex Convento dei Padri Domenicani